Under 16
lunedì 22 dicembre 2008
L'Ata batte lo Storo nell'ultima partita del 2008

Chiara Bottura e Roberta Sconosciuto attendono il servizio avversario (De Benedetto)
Chiara Bottura e Roberta Sconosciuto attendono il servizio avversario (De Benedetto)

Due partite, sei punti. Non sarà ancora sotto certi aspetti un giocattolo perfetto ma a tratti l'Ata, è apparsa davvero convincente. Il 3-1 (25-20,24-26,25-22,25-14) maturato domenica mattina contro le quotate avversarie dello Storo, nasce da un match - seppure a sprazzi - ben giocato da entrambe le formazioni. Partita vera insomma, con le avversarie determinate, almeno nei primi tre set, a non tornare a casa a mani vuote.
A guidare le "Atine" - vista l'assenza di Lorenz - ancora Roberto Colò che inizialmente si affida allo stesso sestetto che la sera prima aveva affrontato nel campionato di serie D le bolzanine del Nuegries. In campo quindi Sconosciuto; Bottura, Gasperini; Fronza, Angelini; Tamanini; Mottes (L).
Ata sempre avanti nel primo set, nonostante le avversarie mettano in campo intelligenza ed astuzia: sono molti infatti i pallonetti che cadono nel campo gialloblu, leit motiv della gara ospite, che sono dopo i primi due set le aquilotte riescono ad arginare. Inizio gara con molti errori punto sia da una parte che dall'altra: tuttavia l'Ata, nonostante la fastidiosa luce naturale che talvolta inganna in ricezione, riesce a macinare punti: è un ace della Tamanini che costringe gli ospiti al primo time-out (11-7). Il tentativo di break dello Storo viene smorzato ancora da un recupero della Tamanini che difende al limite ma riesce comunque a mandare il pallone oltre la rete che cade nel campo avversario (15-12). Recupero che comunque si concretizza nella fase centrale del venticinque, tanto che l'ennesimo pallonetto permette lo Storo di trovare il 17-17. Nello scambio successivo un attacco punto della Gasperini allontana la paura: le avversarie a questo punto si disuniscono ed a nulla serve il secondo time-out, richiesto sul 23-19.
Molti gli errori e la confusione al rientro il campo: ne approfitta l'Ata che nel primo terzo di set è avanti di una lunghezza (8-7). Vantaggio che sale nella parte centrale fino al 11-7. Lo Storo però non ci sta e resta comunque in gara: con un paio di break si porta sul 13-11, risponde punto su punto fino al 16-13, fino a trovare addirittura il 16-15. La reazione delle avversarie sembra attenuarsi e l'Ata ne approfitta scappando sul 19-15. Le squadre giocano ad intermittenza e sono stavolta le "atine a concedere" tre break allo Storo: sul 19-18 però è un bel pallonetto della Fronza ad allontanare la paura. Quando ormai però il set sembra vinto l'Ata si complica la vita: prima concede alle avversarie la rimonta (23-21), poi l'aggancio (23-23) e nello scambio successivo perfino il sorpasso.
Le aquilotte ritrovano concentrazione e gioco ad inizio terzo set: sul 5-0 però, invece che spingere ulteriormente sull'acceleratore, le ragazze di Colò si siedono: nel campo avversario non cade più nulla e lo Storo si riporta sotto fino al primo vantaggio (11-12). Nel momento di difficoltà due muri di fila della neoentrata Zeni riportano l'Ata in vantaggio: poi, un ace della Ioriatti, anch'essa entrata in campo a set in corso, porta il punteggio a 17-14. Il 19-15 è firmato da un bell'attacco della Abbasciano: i seguenti tre scambi sono giocati con poca grinta dalle ragazze di Colò, che ricorre al time-out quando il tabellone recita 19-18. Un tempo che porta i suoi frutti dato che l'inerzia del set ritorna a pendere decisamente verso le cittadine, capaci di conquistare tre importantissimi break fino al 21-18. Tre errori punto muovono il risultato fino al 22-20: rimane ancora attaccato al match lo Storo che però esaurisce le sue speranze di rimonta sul 23-21.
Le avversarie accusano il colpo e scompaiono dal campo nel quarto ed ultimo set. L'Ata travolge le avversarie anche grazie ad un ottimo servizio.
E' un punto della Angelini a fare raggiungere la doppia cifra alle "atine" (10-4), mentre due ace di capitan Bottura muovono il punteggio fino al 13-4. In campo, come già accennato c'è solo l'Ata: sul 16-6, la Paris si fa notare per alcune buone coperture difensive. Come accaduto nelle fasi finali del match contro l'Argentario, le aquilotte si rilassano e lasciano spazio a qualche break avversario, fino al 23-13. E' un ace della Ioriatti a chiudere set (25-14) e match.


SECONDA GIORNATA - LE ALTRE

B-COM Nardin Fiemme - Marzola CR 0-3 (8-25,13-25,12-25)
Solteri Hotel Lagorai - Argentario C.R. Trento 1-3 (20-25,26-24,18-25,23-25)

LA CLASSIFICA - Girone B

Marzola CR Trento (6), ATA TRENTO VOLLEY (6), Banca di Storo C8 (3),
Argentario C.R. Trento (3), Solteri Hotel Lagorai (0), B-COM Nardin Fiemme (0).

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri