Under 16
sabato 1 maggio 2010
In finale l'Ata s'inchina all'Alta Valsugana

Ata Marzola – Alta Valsugana 2-3 (26-24,25-19,12-25,17-25,13-15)
Ata Marzola. Bortoli 5, Abbasciano 6, Angelini 12, Gasperini 10, Zeni 14, Ioriatti 6. Botto 1, Bones, Zara 1.

Un sogno che ormai sembrava diventato realtà, ma che poi è svanito al termine di un equilibratissimo tie-break. Nel frastuono assordante del Pala Vela, colorato e stracolmo, si intrecciano gioia e di lacrime.

Un attacco di Alessandra Ioriatti (foto De Benedetto)
Un attacco di Alessandra Ioriatti (foto De Benedetto)

Onore ai vinti e ai vincitori. Adesso, tutto è compiuto. Brave, brave, siete state brave... urla Bertamini alle sue ragazze, sfinite.
E non è un premio di consolazione. Perché così realmente è stato. Ata e Alta Valsugana si sono sfidate a viso aperto. Si sono prese a pallate per quasi due ore, dando poi vita ad un tie-break equilibratissimo ed a scambi dove la palla sembrava non voler mai cadere. Ma alla fine, la storia esige sempre un vincitore. E così, a salire sul gradino più alto, quest’anno, è stata l’Alta Valsugana che chiude così in trionfo una stagione senza nessuna sconfitta.
Il rammarico però resta. Le atine hanno giocato alla grande, riuscendo a rimediare a qualche errore di troppo (anche giustificato, vista anche la grande tensione agonistica che ha caratterizzato tutta la gara) con la solita grinta e determinazione, combattendo su ogni pallone. E trovatesi in vantaggio due set a zero, Gasperini e compagne sembravano aver tutte le carte in regola per poter portare a termine l’impresa. Poi, la reazione rabbiosa dell’Alta, guidata da una grandissima Francesca Bosio - premiata al termine della finalissima come miglior giocatrice del campionato – che, nel momento di maggior difficoltà, ha saputo caricarsi sulle spalle tutta la squadra e guidare le compagne alla rimonta.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,482 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri