logo Ata Volley logo Walliance
Serie B2

La Walliance vince il primo set, ma il derby è del Marzola

Si interrompe dopo due partite la miniserie positiva dell’Ata, che cede il passo a un Marzola apparso complessivamente superiore. Una partita non bellissima, connotata da tanti errori commessi da ambo le parti della rete, vinta dalle rossoblù, che si sono dimostrate più concrete nel corso dell’intero match.

Ora il distacco sulla zona rossa si assottiglia leggermente, i sei punti diventano 5 per effetto di quello ottenuto dal Team Volley sul campo dell’Olympia Padova, ma nella sostanza non cambia nulla, perché le ragazze di Mongera sanno benissimo di dover affrontare quattro partite molto complicate (dopo il Marzola arriveranno trasferta sui campi di San Vito, Argentario e Bassano) prima degli scontri diretti contro Olympia e un Vicenza che a quel punto potrebbe già essere retrocesso.
Il derby di ieri ci ha restituito le neroviola troppo imprecise a rete: la top scorer tra le atine è stata la schiacciatrice Carosini con 13 punti, ma con il 38% a rete, peggio hanno fatto le sue compagne di palla alta. Eliskases ha chiuso con 9 punti e il 21%, Falcucci con il 7%. Percentuali che spiegano bene la fatica che ha fatto la squadra a mettere palla a terra, mentre dall’altra parte Brugnara e Pedrotti (quest’ultima top scorer con 17 punti a referto) non si sono fatte pregare quando c’era da indirizzare il pallone nel campo avversario.

La cronaca

Per il derby coach Mongera sceglie la formazione che ha superato il Torri, mentre tra le poere all’ultimo momento dà forfait Bogatec sostituita da Tormen. L’inizio del match vede le due squadre alternarsi: va avanti il Marzola 1-4, parziale dell’Ata per il 6-4 firmato Eliskases e Zanei e controsorpasso del Marzola per l’8-13. Le padrone di casa non si scoraggiano, sfruttano qualche errore delle avversarie, riducono il gap con un ace di Zanei (12-13), pareggiano sul 17 pari con due punti in fila di Falcucci e vanno avanti con un muro di Ferracci (19-18). Pedrotti forza dai 9 metri (21-22), ma dà il la allo sprint dell’Ata, che chiude 25-22 con un servizio vincente di Eliskases.

Al rientro in campo è ancora il Marzola a partire meglio (1-4 e 3-6), ma Zanei e Ferracci (ace) rispondono e supportate da Eliskases portano l'Ata sull’11-9. Nemmeno il tempo di rifiatare, che le ospiti puniscono ogni errore in attacco delle locali e con un parziale di 2-9 si portano sul 13-18. Carosini e Ferracci fanno rientrare l’Ata (18-19), ma il muro di Fontanari riallontana il Marzola, che dopo l’ace di Tuller ottiene 6 set point e chiude con Del Dot (20-25).

È sempre Marzola anche in avvio di terzo set. Questa volta le rossoblù dominano dall’inizio alla fine. Brugnara e Pedrotti passano senza problemi e in poco tempo il tabellone segna 6-10, poi Tormen e Pedrotti spingono ancora avanti le poere (8-16 e 8-23) e il parziale si chiude sul 10-25.

Nel quarto set ci sono in campo Margoni e Ghiotti al posto di Falcucci e Bertoldi e la frazione rimane in equilibrio fino all’11 pari, poi Tormen e Fontanari accelerano e sul 14-20 Mongera cambia: toglie Eliskases e propone Falcucci in posto 2. La soluzione funziona, perché la stessa Falcucci, con Carosini, guida la rimonta, completata sul 23-23 da due punti in fila di Margoni. Il finale è convulso: l’attacco di Brugnara termina fuori, ma l’arbitro ravvisa un tocco del muro tra le proteste delle ragazze di Mongera e poco dopo Pedrotti chiude set e incontro.
Il tabellino

Non disponibile per preferenze cookies. Vedi su Youtube.

Fotografie di Riccardo Giuliani

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,891 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri

Foto e Video